Per sorridere sempre nel lavoro e nel tempo libero

a


Un modo semplice per rimanere sereni in caso di infortuni

Cercare di prevedere l'imprevedibile è l’unico segreto per vivere la quotidianità con serenità, anche quando un problema di salute rischia di cambiare le prospettive del futuro. Scacciapensieri Infortuni, una polizza modulare e flessibile (nei suoi profili Extra, Top e Maximum) tutela il tuo reddito contribuendo ad alleviare i piccoli contrattempi che possono accadere ogni giorno. Tutto ciò al fine di continuare a sorridere, qualunque cosa succeda. Il Pacchetto comprende più coperture assicurative al prezzo di una soltanto. Una Polizza Infortuni vantaggiosa (con la possibilità di scelta tra un massimale del profilo Base Extra di 60.000 euro oppure 90.000 euro del Base Top oppure un profilo Maximum con un massimale fino a 500.000 euro) che può assicurarti contro gli infortuni che possono verificarsi nel lavoro e nel tempo libero. E in più, gratis per tutto il primo anno, una copertura "Second Opinion" (Secondo Parere Medico) garantita dal prestigioso marchio Europ Assistance, che assicura per i pazienti e per i medici curanti, la possibilità di rivolgersi ad uno specialista per avere un parere tecnico-scientifico su un quadro clinico, sintomatologico già diagnosticato e valutato, ovvero su una proposta terapeutica espressa presso un altro centro clinico.

a Vantaggiosa

Il pacchetto comprende più coperture assicurative al prezzo di una.

a Modulare

Sono a disposizione i profili Extra, Top e Maximum.

a Completa

Gratis, per il primo anno uan copertura "Second Opinion"

Scaccia pensieri Pacchetto Infortuni può assicurarti contro gli infortuni che possono verificarsi nel lavoro e nel tempo libero

a

aa DOCUMENTAZIONE ASSOCIATA
SCARICA IL FASCICOLO INFORMATIVO DI SCACCIAPENSIERI INFORTUNI


a DOCUMENTAZIONE ASSOCIATA
SCARICA L'APPENDICE CONTRATTUALE



..di romperti un legamento a calcetto?
..di aver bisogno di un’ingessatura?
..che tuo figlio dovesse sottoporsi a un intervento?
..di aver bisogno del parere medico di un specialista?
Con il Medical Advance Program puoi ricorrere al parere di un altro medico o di un'altra istituzione sanitaria al fine di confrontare, confermare o correggere una prima diagnosi che ti è già stata fatta.

Perchè scegliere un’assicurazione per le spese sanitarie?

Una polizza non può evitare i contrattempi di ogni giorno, ma può limitarne le conseguenze

La vita di tutti i giorni espone te e la tua famiglia a un’infinità di rischi e imprevisti ai quali è spesso impossibile sottrarsi. Per questo motivo, quello della protezione della propria salute e di quella dei propri cari, dovrebbe avere una rilevanza centrale nelle scelte di ogni giorno. Garantire a se stessi e al proprio nucleo familiare un’adeguata tutela della salute e dell’incolumità fisica dovrebbe quindi essere una priorità. Accade però, specie in Italia, che la conoscenza delle coperture per la casa, la vita e in special modo la salute è poco diffusa e, talvolta, sottovalutata. Cos’è una polizza per la copertura delle spese sanitarie? È un contratto in base al quale la compagnia di assicurazione, dietro il pagamento di un premio, si impegna a indennizzare (pagando una cifra forfettaria) i costi sostenuti dall’assicurato per ricoveri ospedalieri conseguenti a malattie, a infortuni e a interventi chirurgici (Famiglia In Salute indennizza fino a 1800 interventi chirurgici). Si tratta, in pratica, di una garanzia con la quale l’impresa si impegna a indennizzare gli importi pattuiti al verificarsi della degenza o di un intervento chirurgico tra gli oltre 1800 previsti.
Le polizze In Salute in particolare coprono in tre casi specifici. Il primo caso riguarda l’intervento chirurgico in caso d’infortunio, qualora in conseguenza di un evento indennizzabile a termini di polizza l’assicurato subisca un intervento in istituto di cura pubblico o privato, viene corrisposta una cifra fissa o forfettaria indipendentemente dal fatto che l’assicurato abbia sostenuto la spesa;
Il secondo caso riguarda la diaria da ricovero a seguito di infortunio, qualora in conseguenza di un evento indennizzabile a termini di polizza l’Assicurato venga ricoverato in istituto di Cura pubblico o privato, l’Assicuratore corrisponde la diaria garantita, per ciascun giorno di degenza completa di pernottamento, con il limite massimo di 365 giorni;
Il terzo caso riguarda la diaria da gesso in caso di infortunio, qualora in conseguenza di infortunio comportante una frattura, l’Assicurato sia portatore di ingessatura o di tutore immobilizzante l’Assicuratore corrisponderà l’indennità dal giorno della applicazione fino alla rimozione dell’ingessatura, per un periodo massimo di 30 giorni. Salute al sicuro ti propone un’assicurazione sanitaria economica, assicurazione rimborso spese sanitarie, assicurazione infortuni e assicurazione spese mediche.

Il broker e l’assicurazione sanitaria:
un ruolo fondamentale in tempi di crisi

Secondo il rapporto Ceis, sarebbero più di 3 milioni le persone in Italia costrette a sostenere spese per la sanità molto elevate rispetto al proprio reddito. Nel settore sanitario quindi, specie in tempi di crisi, il broker nella veste di consulente assicurativo assume un ruolo fondamentale. Tutto ciò al fine di consigliare soluzioni che possano ammortizzare le spese delle famiglie quando c’è l’esigenza di un intervento o di assistenza medica

La domanda di strumenti per supplire al sistema sanitario nazionale sta crescendo. È ormai definito un quadro in cui, a causa delle carenze del sistema sanitario italiano e per l’endemico deficit di ospedali e Asl, un numero crescente di prestazioni e di farmaci è a carico dei cittadini. Dato reso ancora più allarmante dal fatto che, secondo il rapporto Ceis-Sanità 338 mila nuclei familiari sono stati soggetti a fenomeni di impoverimento a causa di spese sanitarie o sociali, soprattutto per problemi legati alla non autosufficienza, altre 992 mila famiglie, circa tre milioni di persone, sono state costrette a sostenere spese per la sanità molto elevate rispetto ai propri redditi, in più di 2,6 di milioni di famiglie almeno una componente ha dovuto rinunciare a sostenere spese sanitarie per il loro eccessivo peso economico.
Il broker assicurativo può quindi diventare la figura di riferimento per fornire la propria consulenza alla famiglie e alle imprese. Tutto ciò al fine di consigliare soluzioni che possono quantomeno ammortizzare le spese dei nuclei familiari quando c’è l’esigenza di un intervento o di assistenza medica. Il broker ha infatti il ruolo, da una parte, di selezionare per i propri clienti le soluzioni più efficaci per le loro esigenze, e dall’altra di contribuire al diffondersi della cultura assicurativa con la sua opera di analisi e di scelta. Gli italiani, d’altronde, spendono una quota significativa proveniente dalle loro tasche per la tutela della propria salute: nel 2010 si è arrivati a 30,59 miliardi di euro, praticamente il 21,6% della spesa sanitaria corrente totale.
Nello specifico il 46% è stato utilizzato per acquistare medicinali, articoli sanitari e materiale terapeutico ed un’altra quota significativa, il 37% è servito per servizi ambulatoriali e ospedalieri. Queste statistiche rilevate dall’Organizzazione Europea per la Cooperazione Economica rivelano che nel 2010 ben il 19,4% della spesa sanitaria totale italiana è stata finanziata con esborso diretto da parte delle famiglie. Mentre secondo un’indagine dell’Istat sugli stili di vita degli italiani, il 55% di chi ha ricevuto una visita specialistica e il 40% di chi si è sottoposto a un trattamento riabilitativo hanno coperto completamente a proprie spese il costo della prestazione. A ribadire che il sistema sanitario nazionale non sia messo benissimo ci pensa anche l’oncologo milanese fondatore dell’Istituto europeo di oncologia, Umberto Veronesi, in un’intervista al Corsera online del 10 marzo scorso: " Bisogna ragionare alla luce dei tempi di crisi economica.Io penso che dovremmo andare nella direzione opposta: chi supera una certa soglia di reddito dovrebbe uscire dalla copertura del servizio sanitario nazionale e rivolgersi alle assicurazioni private. Si formerebbe una categoria a parte, che stimolerebbe il mercato delle assicurazioni. Bisogna dedicare le limitate risorse pubbliche per chi ha meno possibilità economiche e non il contrario" .


BrokerOnLine srl ® - Società a socio unico - Registro Unico Intermediari Assicurativi n B000141525 Sezione B
P.Iva 03328930288 - CCIAA MI 1946594 (organo di controllo : ISVAP - www.isvap.it)
uffici via Cristoforo Colombo, 5/C Corsico (MI) - sede legale via Albeto da Giussano, 16- 20129 - Milano (MI)
info@brokeronline.it - Copyright © 2001/2014